Haul: Smoked by Urban Decay

23 Ott

Sììììì! È arrivataaaaa! Non sto più nella pelle, la sola idea di dover andare “Nude e minimal” tutta la settimana perchè devo andare in uni mi distrugge. Dovrò aspettare il weekend mi sa, se non voglio che la gente pensi male. Magari userò solo i colori più chiari. E magari anche il marrone. O magari tutti insieme, mwahahah! Tanto Halloween è alle porte!

Scherzi a parte, premetto che questa non è una review, ma solo una presentazione e un paio di pensieri scaturiti a prima vista della palette, quindi non parlerò della validità del prodotto, quanto più lo illustrerò in quello che sperò sarà un post corto e conciso.

Oggi mi è arrivata questa nuova palette della Urban Decay, una palette pensata appositamente per gli smokey eyes. La confezione che la racchiude è in carta, di un nero opaco, sul cui fronte è “intagliato” il nome della palette, il logo della UD, e una lista di cosa contiene nell’angolo in basso a sinistra. Sul retro potrete trovare una preview di tutti i colori all’interno della palette, l’immagine di un mini-size di UD Eyeshadow Primer Potion e la preview del tratto della Perversion, la matita nera della serie 24/7 Glide-On Eye Pencil (la cui review potete trovare qui). Sul lato inferiore della scatola potete trovare tutti gli ingredienti e i simboli “Cruelty free”.

La confezione è divisa in tre scomparti. Infatti, se la aprirete da sinistra, avrete accesso solo allo scompartimento dell’Eyeshadow Primer Potion, mentre se la aprirete da destra, potrete estrarre sia la palette vera e propria che il “Get the Look Book”.

Eyeshadow Primer Potion
Poche parole per descrivere questa famosissima base della UD che, sono sicura, non ha bisogno di essere presentato. La confezione è quella nuova, che permette di evitare gli sprechi e di utilizzare facilmente tutto il prodotto all’interno. Non l’ho mai provato in questa versione, ma sono sicura che sia molto più comodo del packaging precedente. Come ho già detto, viene fornita una mini-size da 3,7ml, per una durata di 6 mesi.

“Get the Look” Book
Con la palette, viene allegato un comodo libricino, in lingua inglese, che suggerisce dei look che è possibile creare coi colori disponibili. Nella prima pagina troviamo l’introduzione, che sembrerebbe scritta da Wende Zomnir (UD Founding Partner) che dà alcuni consigli di applicazione e presenta in poche parole lo scopo della palette.
Se giriamo pagina, troveremo il disegno di un viso femminile senza make up, sul quale ci vengono illustrate le parti in cui si suddivide l’occhio con un semplice schema. Nella pagina a fianco troverete dei suggerimenti per che colori o addirittura che prodotti (tutti UD, ovvio!) utilizzare per un total look smokey eyes (cosa mettere sulle labbra, sulle ciglia, sulle guance, etc…)
Lo stesso disegno, senza lo schema, ci verrà riproposto nelle pagine successive e potremo vedere come si presentano i vari look sullo stesso viso, il che renderà molto semplice il confronto.
I look proposti in totale sono tredici e nella pagina a fianco ci sarà una descrizione molto dettagliata, organizzata in step numerici, su come ottenerli. Credo proprio che inizierò a farne un paio e, luce permettendo, cercherò di postare le foto e farvi sapere se effettivamente è così semplice come sembra dalla descrizione. Ovviamente ogni step si basa sul come e dove applicare i prodotti della palette, quindi per quanto riguarda il resto (il mascara, per esempio) sarete libere di fare come vorrete.
Le ultime pagine del book sono destinate ad una migliore spiegazione della tecnica di applicazione e sfumatura delle varie aree dell’occhio, con un paio di immagini per mostrare la forma dei pennelli di cui si parla nei look.

Pagina 3

Pagina 2

 

Palette Smoked UD
Allora, la palette è rigida, con una chiusura a zip. È molto piacevole e morbida al tatto, ma qualcosa mi dice che questo materiale si sporcherà in un batter d’occhio. Staremo a vedere, non voglio avere pregiudizi.
All’interno troviamo dieci ombretti, sistemati in due file da cinque. Di questi, quattro sono mat (Kinky, Freestyle, Backdoor e Blackout), cinque hanno un finish metallico (Mushroom, Barlust, Rockstar, Evidence, Loaded) e uno contiene dei microglitter (Asphalt). Ogni ombretto è presente in 0,8g per una durata di 12 mesi.
Insieme a questi dieci ombretti troviamo una delle 24/7 Glide-On Eye Pencil full-size, Perversion, di cui ho già ampiamente parlato e più sopra vi ho pure linkato la review qui sul blog.
Questa palette non è molto grande, tutt’altro. È molto sottile e perfetta da portare in giro, vi ci potrebbe stare perfino in borsa!
Come vi ho già detto, non ho ancora avuto il piacere di poterla usare, ma ho notato che lo specchio è molto grande e ora come ora mi sembra molto comodo. Vi saprò dire più avanti.

Queste sono le mie prime considerazioni, quelle “a pelle”, diciamo, sulla palette in questione. Più avanti ci sentiremo per swatches e review. Devo comunque confidarvi che io sono una patita degli smokey eyes, li adoro, e quando l’ho vista è stato amore a prima vista. So che verso i primi di novembre Sephora metterà sullo store online anche la Vice Palette, anch’essa con degli splendidi colori, ma fra le due non c’era dubbio alcuno: la Smoked vince. Spero che questo post vi sia stato di aiuto, a presto!

Elena

Annunci

Cosmetici vs. Aereoporti

22 Ott

Ci sono delle occasioni in cui bisogna arrendersi all’evidenza: non ci si può portare dietro tutto l’armamentario di cosmetici accumulato in anni di acquisti. I viaggi brevi in aereo con solo il bagaglio a mano come unica valigia è una di queste.
Non avendo mai viaggiato con compagnie aeree come la Easyjet o la Ryanair e non avendo mai utilizzato solo il bagaglio a mano nei miei viaggi ma anche quello in stiva (sono solita portarmi dietro mezza casa quando vado in vacanza), è stato un pò traumatico doversi adeguare alle norme, molto severe, che regolano le dimensioni del bagaglio, il peso, i liquidi da poter portare ecc…
Premetto che ho viaggiato con la Easyjet, ma credo che le regole siano più o meno le stesse per tutte le compagnie low-cost anche perchè i controlli dipendono dalla sicurezza aereoportuale e non dalla compagnia con cui viaggiate.
Tralasciando i momenti drammatici in cui ho cercato di far entrare tutti i miei vestiti nel bagaglio, la parte di cui discuterò sarà quella relativa alle norme sui liquidi nel bagaglio a mano.

Tanto per cominciare, con “liquido” non si intende solo liquidi veri e propri, ma anche burrocacao, rossetti, mascara, creme e deodoranti.
Tutti questi oggetti devono essere in contenitori dalla capacità di massimo 100ml ciascuno, a loro volta contenuti in una bustina di plastica trasparente facilmente richiudibile, della capacità di massimo 1 litro e di dimensioni non superiori a 20×20 cm.

Non avendo in casa una bustina di plastica vera e propria, ho ripiegato usando quella per tenere i cibi sottovuoto e ho passato tranquillamente i controlli:

Passerò ora a descrivere nel dettaglio i prodotti che ho deciso di portare, per fortuna molte case cosmetiche hanno realizzato apposta confezioni con piccole quantità di prodotto apposta per i viaggi in aereo:

Sephora super struccante occhi waterproof 

(se volete saperne di più, andate qualche post più sotto, Elena ne ha fatto una recensione molto completa!)
L’ho comprato apposta per il viaggio perchè molto piccolo (da 50 ml) e devo dire che l’ho trovato molto valido! Dà un pò di fastidio agli occhi se ne usate troppo e avete gli occhi sensibili come i miei, basta stare attente. Il costo è di appena 4 € e lo si trova in qualsiasi negozio Sephora.

——————————————————————————————————————————–

Kiko Skin Evolution Foundation 

Ho comprato anche questo per l’occasione dato che la confezione è da 30ml, è un fondotinta liquido molto facile da applicare e devo dire che è stato una bella rivelazione: è leggero, non fa diventare la pelle lucida nè troppo secca, dura praticamente tutto il giorno anche senza applicare una cipria sopra, e per una volta credo anche di aver scelto il colore giusto visto che con la mia pelle chiarissima tendo sempre a sbagliare tonalità e a diventare giallastra 🙂 Il colore che ho scelto è il 02 “light ivory”. Si può applicare con le dita, ma io preferisco usare una spugnetta inumidita e il risultato è comunque ottimale. Il prezzo originale è di 12,90€ , io l’ho pagato la metà approfittando di uno sconto attualmente presente,e si può trovare in qualsiasi negozio Kiko.

——————————————————————————————————————————–

Mavala nail laquer n°171  “Blue Curaçao” 

Avendo l’ossessione per gli smalti e il vero e proprio incubo che mi si rovini mentre sono fuori casa, sono partita con lo smalto che avevo già sulle unghie da qualche giorno. La Mavala è una marca che adoro, costa poco, gli smalti sono piccoli e per questo facili da portare in giro (la boccetta contiene 5ml di prodotto), durano molto anche senza top coat e hanno una gamma di colori molto vasta.
Io ho scelto il colore 171 “Blue Curaçao”, che nella foto non si vede bene, ma è un azzurro secondo me splendido. Il prezzo si aggira intorno ai 5€, e si possono trovare in molte profumerie tra cui Limoni, ma io ad esempio li compro all’Oviesse, non so se sia una marca presente in tutti i negozi, ma generalmente se vendono la Essence c’è anche la Mavala.

——————————————————————————————————————————–

Mascara Essence Maximum Definition


Ho deciso di portare questo mascara perchè ormai l’ho quasi finito visto che lo uso veramente tantissimo, così nel caso me l’avessero buttato non avrei perso una grande quantità di prodotto. Credo che questo sia uno dei miei mascara preferiti, in effetti trovo che i mascara della Essence siano decisamente migliori rispetto a molte altre marche anche prestigiose e costosissime.
Questo mascara in particolare ha un effetto fantastico sulle mie ciglia: le definisce perfettamente e le allunga, è facile da usare grazie anche allo scovolino sottile che permette di raggiungere anche le ciglia più piccole. La confezione contiene 8ml di prodotto, il prezzo si aggira intorno ai 3€, se non ricordo male, in ogni caso un costo molto basso come ogni prodotto Essence, e personalmente io l’ho comprato all’Oviesse, ma so che spesso questa marca si trova anche da Coin o da Upim.

——————————————————————————————————————————–

Lip Balm Yes To Carrots

Avendo un problema di labbra secche e visto che, come pensavo, a Londra fa veramente freddo in questo periodo, non potevo non portarmi un burrocacao. Questo in particolare lo sto usando moltissimo e funziona veramente bene.
La particolarità dei prodotti di questa marca è che sono senza parabeni e utilizzano estratti di frutta e verdura biologici. In particolare questo burrocacao è alla carota, il sapore è gradevole e lascia le labbra veramente molto idratate. La confezione contiene 4,25ml di prodotto, il prezzo è di 3€ e si trova in molti negozi Sephora.

——————————————————————————————————————————–

Per quanto riguarda i prodotti per il bagno, al supermercato ho trovato un sacco di flaconcini mini apposta per viaggi in aereo, di diverse marche e con diversi tipi di prodotto, ad esempio questi:

Se però non li trovate, o avete bisogno di altri prodotti come ad esempio Shampoo, Balsamo e creme varie o lozioni, Sephora propone dei flaconi vuoti da 40ml da poter riempire a piacimento.

Non solo Sephora offre questo tipo di flaconi, li ho visti anche da Kiko, ma sicuramente si possono trovare anche in molte profumerie e supermercati, a prezzi molto contenuti.  Li trovo un’alternativa molto comoda in caso si voglia portare una piccola quantità di liquido o crema.

Per ora è tutto, spero di esservi stata un pò d’aiuto 🙂

Giulia

Haul VICHY e BioNike

17 Ott

Dopo aver finito la mia adorata crema per il viso VICHY Aqualia Thermal, che ho amato alla follia, è venuto il momento di prendere un’altra crema. La mia pelle è mista, particolarmente grassa sulla zona T e sulle palpebre e secca sulle guance, quindi sono andata alla ricerca di un’altra crema per pelle mista e durante una spesa all’Auchan ho notato una nuova crema VICHY che mi ha attirato: VICHY Aqualia Antiox, fluido idratante 24h, antiossidante pro giovinezza.

Allora, avendo ventidue anni ringiovanire la mia pelle non è proprio il mio scopo, ma solo mantenerla così com’è. Inoltre questa crema promette un effetto pelle giovane e fresca. Qui di seguito vi copio la didascalia scritta di lato, per descrivere gli effetti del prodotto:

“A partire dai venticinque anni, la pelle si ossida e si segna in superficie: colorito spento, segni della stanchezza, piccole rughe, piccole macchie.
Esclusiva VICHY: formula con puro polifenolo di citrus, antiossidante pro-rigenerante. Protegge le cellule madri dagli attacchi ossidanti per favorire la rigenerazione delle nuove cellule.
Infinita fonte di pelle giovane e fresca, le cellule madri permettono alla pelle di rigenerarsi.”

I risultati che promette sono, in 15 giorni, un miglioramento della luminosità, del colorito e del rilievo cutaneo della pelle. Questo prodotto è stato testato sotto controllo dermatologico ed è adatto a tutti i tipi di pelle. Inoltre è ipoallergenico e senza parabeni.

(clicca per ingrandire)

La userò ogni giorno per quindici giorni e poi vi farò sapere se ho notato dei miglioramenti o dei cambiamenti nella mia pelle. Ah e, per la cronaca, mi è costata 21,90€ (invece di 25, perchè era in saldo), sono 40 ml di prodotto, per una durata di 12 mesi.

Ora, siccome io ho un problema serio con le occhiaie, avendo la pelle molto chiara ed essendo un soggetto allergico, cercavo già da un po’ un prodotto per ridurle. Non pretendo di non averle più, ma almeno ridurle. E sempre fra gli scaffali dell’Auchan ho adocchiato la crema della BioNike, brand del quale ho trovato un trattamento per cute seborroica che mi è piaciuto molto, detta defence eyes anti-borse e anti-occhiaie, per pelli sensibili e intolleranti.

Ho deciso di provarla per via della buona esperienza che ho avuto con il brand e perchè il prezzo era abbordabile (circa 20€, non mi ricordo il prezzo esatto). Anche qui vi cito cosa dice la confezione:

“Riduce le borse suboculari, attenua le occhiaie, protegge e rivitalizza grazie alla presenza di un complesso vegetale attivo a effetto drenante. Favorisce la riduzione dei ristagni di liquidi nei tessuti perioculari. Esercita anche un’azione anti-radicali liberi.”

Sono riportati i test clinici, microbiologici e in vitro effettuati e il fatto che il nickel è presente in tracce inferiore allo 0,00001% ed è formulato senza conservanti, profumo e glutine.

C’è scritto inoltre come usarla: “Applicare sulla zona perioculare (che sarebbe il contorno occhi).” Devo dire che oggi l’ho applicata per la prima volta e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Magari farò un post più avanti se noto miglioramenti. Per circa 20€ avrete 15ml di prodotto per una durata di 12 mesi.

Bene, questo è tutto per oggi, spero di rivedervi presto!
Elena

Invisible Powder by KIKO

16 Ott

L’Invisible Powder è una cipria trasparente il cui compito è quello di fissare il make up e rendere il viso opaco, libero dal lucido che lascia il sebo sulla pelle.

(clicca per ingrandire)

Consistenza e swatch
Il prodotto si presenta come una polvere bianca molto fine e morbida al tatto. Una volta applicato sulla pelle, la polvere diventa trasparente, non appesantisce la pelle e la lascia vellutata, non appiccicosa. È molto leggera e nonostante questo fa perfettamente il suo lavoro. Fissa tutto il necessario e dura tranquillamente tutta la giornata.
Di solito la stendo con il Powder Brush della linea studio della ELF e funziona perfettamente.

(clicca per ingrandire)

Confezione
Se non ho avuto lamentele col prodotto, ho sicuramente problemi con il packaging. È sicuramente troppo. Come noterete dalle foto, il contenitore della polvere si limita alla porzione trasparente, tutto il resto sere per contenere il puff con cui si dovrebbe stendere il prodotto. Il problema è che è scomodo e spreca fin troppo prodotto, essendo incapace di stenderlo in modo omogeneo. Inoltre, ad ogni pressione del puff questo “ruberà” un po’ della vostra base viso e se la porterà via (come potete vedere dal cambio di colore del mio puff).
È presente però un dosatore ed è molto, molto, molto utile poichè permette di usare poco prodotto alla volta ed evitare gli sprechi.
La confezione è davvero enorme e ingombrante e non mi fido a travasare la polvere perchè la è talmente fine che volerebbe dappertutto nel cercare di staccare la porzione che riguarda il puff.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Prezzo: 11,90
Dove acquistare: negozi KIKO
Quantità: 13,5g
Durata: 18 mesi
Consigliato: Nonostante la confezione inutile ed enorme, mi sento di consigliare fortemente questo prodotto, perchè ogni volta che lo uso non mi sento pentita di averlo comprato. Sono davvero contenta del risultato. Peccato per il packaging, perchè sicuramente gonfia il prezzo e sicuramente sarei più contenta se ci fosse solo la jar per la cipria.

Elena

Holographic Nail Polish N082 by Pupa

15 Ott

Ecco a voi uno dei miei smalti preferiti. La maggior parte dei miei smalti sono Pupa e sono rimasta soddisfatta di quasi tutti. Questo è stato il mio primo ed unico smalto olografico, il suo colore mi ha letteralmente conquistata quando l’ho visto: un vero e proprio amore a prima vista.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Consistenza e swatch
Credo che il punto forte di questo smalto sia proprio la sua consistenza fluida e facilmente stendibile. Infatti, ogni passata di smalto fresco si fonderà perfettamente con quelle precedenti, rendendo così estremamente semplice avere un risultato omogeneo. I tempi di asciugatura sono molto brevi: sono rimasta stupita di quanto poco tempo serva a questo smalto per asciugarsi. L’ho trovato molto comodo ed è sicuramente uno degli aspetti che amo di più del prodotto.
Il finish olografico l’ho sperimentato solo con questo smalto, ma devo dire che mi è piaciuto parecchio. Se esposto alla luce, questo smalto diventa davvero particolare e splendido. Passerei tutto il mio tempo a fissarmi le unghie!
L’unica cosa negativa è la durata. Senza una base e senza un top coat non dura niente. Facendo una vita da studentessa, se messo da solo, ho notato che lo smalto dura anche meno di una giornata: se lo mettete la mattina, la sera ci sarà già qualche unghia da dover rifare, se non tutte. Con base e top coat, le prime leggere sbeccatine le ho notate dopo anche una settimana, quindi la sua pecca può essere facilmente aggirata.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Confezione
La confezione di questo smalto è la classica di ogni prodotto unghie Pupa, con il tappo che fa da manico del pennellino (molto comodo da impugnare), composto da setole molto sottili che rendono semplice la stesura del prodotto. Sicuramente promossa.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Prezzo: 5,95€ (fonte Pupa.it)
Dove acquistare: COIN, Sephora, Profumerie Ravelli, Limoni, Pupa store
Quantità: 5ml
Durata: 6 mesi
Consigliato: Assolutamente sì!

Elena

Prodotti Bocciati

10 Ott

Ciao a tutte! Finalmente dopo giorni e giorni torno a scrivere anche io.
Nel post di oggi non recensirò un prodotto solo, ma farò un elenco di alcuni prodotti che purtroppo negli ultimi tempi mi hanno deluso e ovviamente le relative motivazioni. Premetto che l’ordine con cui li citerò è casuale, non c’è alcuna classifica!

Partiamo con l’ Ultralight Mat Lipstick di Kiko:

Questo rossetto faceva parte della collezione invernale dell’anno scorso “Chic Chalet” dunque ormai immagino che non sia più in commercio, e se non ricordo male costava 7.50 €. Quello che ho io è il numero 06 Candy Pink.

Consistenza, swatch e confezione.

La particolarità di questo rossetto è che si presenta con la confezione di un lipgloss e la consistenza di un rossetto molto opaco.

L’applicatore è il classico usato per molti lucidalabbra, e in generale come confezione non c’è alcuna particolarità, è poco voluminosa dunque portabile facilmente in borsetta.
Il colore che ho scelto io è un rosa  tenue che generalmente sta bene su tutte le carnagioni essendo un colore abbastanza neutro

(Non fidatevi della foto, ho provato in tutti i modi a fare uno scatto che rendesse bene il colore, ma senza risultati.. in ogni caso sappiate che il rosa è più chiaro di quello che sembra qui sopra!)

BOCCIATO PERCHE‘:

La principale nota dolente è senza dubbio la scarsa durata. L’ho provato diverse volte e non è mai durato sulle mie labbra più di venti minuti, giusto il tempo di uscire insomma. Ho provato davvero in tutti i modi, anche facendo più passate di colore, o aggiungendo un lipgloss trasparente sopra, ma il risultato era sempre lo stesso. Inoltre dopo poco tempo ho notato che cominciano a formarsi delle crepe, il colore va da tutte le parti eccetto che rimanere sulle labbra, e le lascia secche e fastidiose. Insomma, essendo un rossetto opaco logicamente non mi aspettavo un effetto idratante, ma neanche un tale disastro!

———————————————————————————————————————————————————————-

Sempre rimanendo sull’onda dei prodotti per labbra Kiko, devo recensire negativamente anche il Light Core Lipgloss, facente parte della collezione di questa primavera “Blooming Origami”, probabilmente ancora reperibile in qualche negozio Kiko, per il costo di 6.90€.

Consistenza e confezione.

Si presenta come un lucidalabbra denso, in un tubetto piccolo e a mio parere dal metodo di applicazione molto scomodo, ma purtroppo usato in molti prodotti, con il classico meccanismo “a pressione”. Si preme delicatamente il tubetto e il prodotto esce fuori dal beccuccio.

Del perchè trovo scomodo questo metodo di applicazione parlerò dopo.
La particolarità di questo lipgloss è la seguente: dalla foto precedente si nota che il tubetto è diviso in 2 parti: vi è una colonnina centrale,separata dal resto dello spazio nel tubetto, che contiene il gloss colorato (io ho scelto il colore 04) e tutto intorno alla colonnina, nel rimanente spazio, c’è un gloss trasparente. Con la pressione nei punti giusti del tubetto, ciò servirebbe a erogare a piacimento la quantità di colore e di gloss trasparente, rendendo dunque il prodotto un “gloss modulabile”.

BOCCIATO PERCHE’:

Io non apprezzo particolarmente la confezione, non solo di questo prodotto ma in generale. Lo trovo molto scomodo, sia perchè basta poco per far uscire troppo prodotto in eccesso, sia perchè è difficile l’applicazione, sia perchè il beccuccio, se esce prodotto in eccesso, rimane sporco e appiccicoso.
Oltre al discorso confezione, anche l’idea del tubetto con due vani separati per colore e gloss trasparente non funziona. Ve lo giuro, ho provato a schiacciare in tutti i modi: al centro,su, giù, a destra, a sinistra, con due dita….il gloss colorato non scende, non c’è verso, ma solo una gran quantità di banalissimo gloss trasparente di cui si può anche fare a meno. Forse sono io che sbaglio qualche cosa nel metodo di “schiacciamento”…se si siete pregate di farmelo sapere 🙂

———————————————————————————————————————————————————————-

Cambiando finalmente genere e marca, ho qualcosa di cui lamentarmi anche del Mascara Hypnose di Lancome.

 

 

L’ho comprato in una confezione insieme ad un kajal e uno struccante, sui quali non ho assolutamente nulla da dire in quanto li ho trovati davvero validissimi. Il prezzo del singolo mascara si aggira intorno ai 29€, dunque non è decisamente un prodotto low cost!

Consistenza e confezione.

La confezione è piuttosto sottile, nera e lucida, pratica da portare in giro perchè non occupa molto spazio.
Lo scovolino di questo mascara non è nulla di speciale, di dimensioni medie dunque l’applicazione non risulta per niente difficile. L’unico problema è la tendenza a raggrumare un pò di prodotto sulla punta,ma basta accorgersene subito e toglierlo per evitare danni.
La particolarità del prodotto è senza dubbio il profumo floreale, non credo di aver mai usato un mascara che profuma.

BOCCIATO PERCHE’:

Una volta applicato e asciutto, dopo un pò di tempo, in media un’oretta dall’applicazione, comincia a farmi cadere sugli zigomi dei piccolissimi pezzettini di mascara. Ok, non è un gran danno, ma tutti quei piccoli pezzettini sommati danno insieme come risultato le guance costellate da puntini neri abbastanza antiestetici..per non parlare di quando i suddetti pezzetti di prodotto secco mi finiscono direttamente negli occhi! Oltre a ciò il mascara non ha effetti entusiasmanti sulle mie ciglia. Solo un pò di volume e un minimo di separazione delle ciglia, per il resto dà un effetto molto naturale, che purtroppo non è quello che cerco in un mascara, specialmente se il prezzo è abbastanza elevato come questo.

———————————————————————————————————————————————————————-

Infine mi tocca fare una critica anche a Chanel e al fondotinta compatto Vitalumière Aqua.

Il prezzo non me lo ricordo esattamente, ma costava intorno ai 48 euro, come ogni prodotto Chanel non è decisamente economico!

Ho usato questo fondotinta per più di un anno, ricomprandolo anche più volte (si può richiedere in profumeria solo la cialdina contenente il fondotinta senza dover cambiare l’intera confezione, risparmiando così almeno 10 euro). Ho avuto modo di usarlo per un grande lasso di tempo, e mi era molto piaciuto fin da subito, ma purtroppo questa primavera l’hanno ritirato dal mercato per rimetterlo dopo poco uguale per quanto riguarda la confezione,ma cambiando la formulazione del fondotinta, con le conseguenze di cui parlerò tra poco.

Consistenza e confezione.

La confezione devo dire che mi piace molto. E’ un cofanetto nero lucido con il classico simbolo di Chanel davanti, che si apre e rivela uno specchietto e una spugnetta applicatrice. Sotto la spugnetta, vi è un vano col fondotinta compatto.

Per i ritocchi dell’ultimo minuto la confezione è molto pratica.
La consistenza del fondotinta è molto cremosa e facilmente applicabile

BOCCIATO PERCHE’:

Il problema risiede appunto nella consistenza. E’ un problema riscontrato nella formulazione nuova, perchè le prime volte che compravo questo fondotinta mi trovavo decisamente meglio.
In poche parole, la consistenza, a detta loro riformulata per essere più cremosa e idratante, si è appesantita notevolmente. La pelle non traspira, sembra di aver addosso una maschera di cera. Al minimo calore, non necessariamente in estate, basta anche sudare pochissimo, questa maschera di cera si scioglie con risultati veramente disastrosi, troppe volte mi è capitato di girare con la pelle a macchie senza che me ne accorgessi. Inoltre non fa un bell’effetto alla mia pelle, la rende troppo oleosa e mi costringe a usare necessariamente una cipria opacizzante per evitare di avere la faccia lucida stile palla da bowling.

In definitiva, decisamente bocciato, perchè con tutto quello che costa, da un fondotinta Chanel mi aspetto quasi che mi prepari pure il caffè 🙂 ..o che perlomeno non coli al primo accenno di sudore!

Spero di esservi stata utile e se avete un parere contrario alle mie recensioni, o avete avuto esperienze simili alle mie, mi farebbe piacere sentirvi!

GIULIA

 

 

Mascara Multiaction by Essence

9 Ott

Ed eccomi qui con una nuova review, la mia prima su un mascara! Questo è l’ultimo mascara che ho acquistato e quello che sto usando da tutta l’estate. È un mascara che promette “extra volume, length and curl!”, ovvero extra volume, extra lunghezza e extra incurvante per le ciglia.

(clicca per ingrandire)

Consistenza
Il mascara è di colore nero ed è molto denso. L’applicazione è molto semplice e si secca in una manciata di secondi. Da quel momento resiste anche cinque o sei ore. Di solito, un’unica passata è sufficiente e in ogni caso ho trovato molto scomodo fare una seconda passata: siccome questo mascara si secca sulle ciglia, passando una seconda volta con lo scovolino potreste togliere quel che avete messo o lasciare dei grumi ad appesantire le ciglia. Non dico che sia impossibile, basta solo un po’ di attenzione in più.
L’effetto finale mi è piaciuto molto: le ciglia sono incurvate e molto voluminose! Per quanto riguarda la lunghezza, non saprei dire. Le mie ciglia sono di lunghezza media, ma non ho notato grandi differenze con questo mascara addosso.
Come risultato avrete più volume e riesce anche ad incurvare le ciglia, ma per quanto riguarda la lunghezza non ho visto granché.

Scovolino e packaging
Adoro le dimensioni di questo scovolino! È più piccolo all’estremità, il che permette di prendere bene e con facilità anche le ciglia più piccole sull’angolo interno dell’occhio. Inoltre la disposizione delle setole è perfetta, perchè pettina ma non incolla le ciglia, anzi le dispone in modo da avere più volume.
Ho notato però che sulla punta, si tende ad accumulare un po’ di prodotto e quindi, prima di applicare il mascara sulle ciglia più vicine al naso o sulle ciglia inferiori, si dovrebbe spendere un secondo a togliere l’accumulo per evitare che si vada ad appiccicare a grumi sulle ciglia, il che è fastidioso e brutto da vedere.

Per quanto riguarda il packaging, non ho nulla da sottolineare. È un packaging classico, molto carino da vedere, e non è troppo ingombrante da portare in giro.

Prezzo: 2,99€
Dove acquistare: OVS, Coin
Quantità: 8,5ml
Validità: 6 mesi dall’apertura
Consigliato: Sì.

Bene ragazze, questo è tutto 🙂 iscrivetevi al blog o condividete il post per aiutarci a crescere. A presto!
Elena