Archive by Author

The importance of being

22 Ott

Sometimes I think I will be that person whose friends did everything, saw everything, went everywhere. I don’t wanna be that person. I want to be the one that has to arrange meetings on skype with friends and family.

I want to go away… I just need wings to do it.

Annunci

Review Caffeine Concealer Roll On Garnier

25 Giu

Salve a tutti! Finalmente ho chiuso un esame, quindi posso tornare a dedicarmi al blog! Questa volta vi sottopongo la review di un correttore di cui, appena uscito, mi ricordo, se ne è parlato molto. Si tratta del Caffeine Concealer Roll On della Garnier.

clicca per ingrandire

Avendo molti problemi di occhiaie, anche molto profonde e blu/violacee, quando noto un correttore che si presta ai miracoli mi ci fiondo!

Il correttore esiste in due tonalità, io ho preso quella più chiara, dato che l’altro era decisamente troppo scuro per la mia pelle da mozzarella. Grazie al pratico applicatore è molto semplice da usare ed è facilmente stendibile e sfumabile con le dita. Inoltre è molto piacevole il fresco lasciato dalla biglia metallica, che servirebbe ad alleviare l’occhiaia.
Ha una consistenza liquida e leggera, ma nonostante ciò, non sbava o si smuove: lì dove lo si mette, rimane. Non è pesante da indossare, anzi, è molto comodo e illumina la zona oculare dando luminosità al viso.

clicca per ingrandire

Solitamente io ne applico due strati: il primo su tutta l’occhiaia, arrivando anche fino a sotto l’angolo esterno dell’occhio; e il secondo va a ritoccare là dove il primo non è riuscito a coprire abbastanza. Non lo applico mai da solo, aggiungo uno strato di un correttore ad alta coprenza. Trovo comunque la sua azione fondamentale, perché se saltassi quello step, non avrei lo stesso risultato.

In realtà questo prodotto dovrebbe anche avere proprietà lenitive, alleggerendo le occhiaie. Dico dovrebbe, perché io non ho visto cambiamenti. Le mie occhiaie sono comunque profonde, quindi magari per chi le ha più leggere qualcosa potrebbe cambiare. Se l’avete provato, fatemi sapere, che sono curiosa!

Prezzo: attorno ai 10€ (l’ho visto a 9,90€, ma anche a 12,90€)
Quantità: 15ml
Validità: 6 mesi dall’apertura, ma io lo sto usando da un annetto e mi trovo ancora bene.
Consigliato: Sì, soprattutto se non avete occhiaie profonde. A chi le ha, consiglio l’applicazione aggiuntiva di un correttore ad alta coprenza.

Ho sentito che ora in giro c’è anche quello Maybelline, che cercherò di procurarmi al più presto. Se avete dei prodotti da consigliare o che vorreste che facessimo una review, scrivetelo pure nei commenti. Alla prossima!

Review Mascara They’re Real! di Benefit

11 Giu

Indovinate chi ricompare dalle tenebre? Ebbene sì, proprio io! Purtroppo negli ultimi mesi è stato proprio difficile dare tempo al blog o a qualsiasi tipo di scrittura che non fosse a scopo universitario. L’università mi sta lentamente rubando la vita, diciamo così. Ma non perdiamoci in brutti pensieri e concentriamoci sulla review che vi propongo oggi! Sono qui infatti per parlarvi di un prodotto che si è conquistato uno spaziettino nel mio beauty-case ormai da qualche mese. Sto parlando del mascara They’re Real! della Benefit.

(clicca per ingrandire)

Se ne è parlato e se ne parla tuttora molto. Devo ammettere che quando l’ho visto per la prima volta ero molto scettica, perché la Benefit mi ha spesso rifilato prodotti ad alto budget che si rivelavano schifezze. Invece sono rimasta piacevolmente colpita. Vi lascio alla review!

Info sul prodotto
Premettiamo che ho adorato questo mascara fin dalla prima passata. Valorizza moltissimo le ciglia, distendendole e senza appiccicarle o creare grumi. Con molti mascara ho avuto problemi perché dopo l’applicazione mi ritrovavo ad avere tre o quattro ciglia cicciotte, nerissime, ovvero tutte le ciglia attaccate le une alle altre, a gruppetti. E non era proprio un buon risultato. Questo invece non lo fa, anche grazie ad uno scovolino in grado di pettinare e separare le ciglia ad ogni passata.

Una volta applicato si secca molto rapidamente e dura tranquillamente da mattina a sera senza sbavare e sgretolarsi. Che dire, lo adoro.

(clicca per ingrandire)

Scovolino e packaging
Lo scovolino di questo prodotto è caratteristico. È in gomma ed è di media grandezza, sviluppato in lunghezza. In punta troviamo una disposizione dei dentini in grado di pettinare con precisione anche le ciglia inferiori o le ciglia più piccole della palpebra superiore. Lungo lo scovolino, i dentini sono sistemati di modo da alternarsi e non lasciare spazi vuoti, per evitare di dividere le ciglia a gruppi, ma di lasciarle ben separate.

(clicca per ingrandire)

Per quanto riguarda il packaging del prodotto, l’ho trovato molto carino. Non è troppo grande e, rispetto ad altri mascara che ho avuto, è più corto, il che lo rende molto comodo da portarsi appresso.

Prezzo: 24,50€ – purtroppo l’unica pecca di questo prodotto è il prezzo. Se cercate un buon mascara, in giro ce ne sono molti che fanno il loro lavoro senza dover per forza spendere molti soldi.
Dove acquistare: Sephora, sephora.it
Quantità: 8,5g
Validità: 6 mesi dall’apertura.
Consigliato: Molto!

Spero di non dover far passare un altro anno prima di scrivere qui. A presto (si spera)!

Prodotti che ricomprerei – Purifying Mask by KIKO

13 Nov

Ciao ragazze! Scusate per l’assenza improvvisa, ma ho iniziato tirocinio e gli orari si sono fatti un po’ più stretti per me. Non credo che riuscirò a postare con la frequenza di prima, ma farò il possibile per scrivere almeno un post a settimana. Per questo semestre va così, purtroppo.

Comunque, veniamo a noi. Ho deciso di iniziare una serie di post in cui vi racconto di alcuni prodotti che mi sono piaciuti e che ho intenzione di ricomprare/ho ricomprato. Il primo di cui vi parlo, è la Purifying Mask di KIKO. Sapete che KIKO ha introdotto da qualche tempo un set di maschere adatte a diverse necessità, questa è una maschera purificante e remineralizzante che “matifica la pelle a lungo e riduce le imperfezioni”. Consigliata per pelli da miste a oleose. E si dà il caso che io abbia una pelle mista, così me la sono comprata.

Non ho mai applicato maschere per il viso, per nessun motivo in particolare, e quando ho visto questa maschera ho deciso di provare. Chissà, magari qualcosa di buono lo fa, e infatti…

Consistenza
La maschera è di colore verde, con una densità simile a quella delle creme più ricche e delle pagliuzze più o meno grandi all’interno. È facile da stendere sul viso e appena applicata lascia una piacevole sensazione di freschezza. Come da istruzioni, dopo una decina di minuti si secca e va rimossa, dopodiché va concluso il trattamento applicando la propria crema idratante.

Già da prima dell’applicazione della crema, posso sentire che la mia pelle è più pulita e morbida al tatto. Inoltre, nei giorni successivi, piccole imperfezioni si riducono e non ne compaiono di nuovi. Averla addosso è molto piacevole e ha un odore davvero squisito che a me ricorda tantissimo i confetti. Il suo lato negativo è che toglierla usando soltanto le mani è un incubo: ho provato le prime volte, ma diventava una cosa infinita. Finiva fra i capelli e le dita scivolavano, rendendo molto difficile toglierla alla prima passata. Io uso una spazzolina per lo scrub facciale e si toglie facilmente, lasciando la pelle pulita e fresca.

Inoltre, volevo dirvi che io ho usato questa maschera per due volte a settimana per un mese e pur mettendo un bello strato di maschera, mi è durata per più di un mese. Approssimerei ad una durata di due mesi, se usata due volte a settimana, come consigliato dalle istruzioni, ma ognuna di voi conoscerà meglio la propria pelle e saprà regolarsi di conseguenza.

Confezione
Classica confezione da crema, che accumula piccole quantità negli angoli, vicino alla parte rigida. Consiglio: tagliatela prima di buttarla via, recupererete prodotto.

Prezzo: 5,90€
Dove comprare: KIKO store, KIKO online store
Quantità prodotto: 55ml
Validità: 5 mesi
Consigliato: Direi proprio di sì, mi sono trovata molto bene come prima esperienza in maschere facciali, infatti l’ho ricomprata e non me ne pento. Ciao a tutte e a presto!

Elena

Review Powerpoint Eye Pencil Engraved by M.A.C. & Confronto con Perversion by Urban Decay

24 Ott

Salve a tutti, oggi vi propongo la review della famosa matita waterproof Engraved della MAC. L’ho acquistata nella mia lunga ricerca di una matita nera che resistesse nella rima interna dell’occhio. Ho letto molte review positive, alcune che la definivano addirittura “eccezionale” o “straordinaria”. Quindi ho deciso che decisamente dovevo provarla!

NOTA: in questa review farò riferimento alla Perversion della Urban Decay, attualmente la mia matita nera preferita, la cui review potete trovare qui.

Consistenza
L’Engraved è una matita di un nero molto intenso, con una consistenza decisamente molto morbida. L’applicazione è facile e precisa, inoltre potete modulare a vostro piacimento l’intensità del colore semplicemente facendo più o meno passate. Un punto a favore di questa matita è che la mina non è così morbida da sfaldarsi durante l’applicazione, cosa che invece può accadere con la Perversion. Il colore risulta sfumabile molto facilmente, soprattutto se appena applicata, poiché già dopo una manciata di secondi dall’applicazione il prodotto si fissa e da quel momento sarà molto difficile sfumarlo uniformemente. Direi che la resistenza sulla palpebra è ottima, ogni volta che l’ho usata, a fine giornata l’ho sempre trovata lì dove l’avevo messa, senza essersi spostata. Per quanto riguarda la rima interna, invece, non mi ha soddisfatto per niente. Sarà pure waterproof, il che vuol dire che per struccarsi c’è bisogno di prodotti a base oleosa, ma sulla rima interna non mi dura nemmeno un paio d’ore. Come ho già detto, essendo allergica mi capita spesso di avere gli occhi lacrimanti (così, a cavolo, senza un vero e proprio motivo…), ma proprio non mi dura. Ho provato anche a fissarla con un ombretto nero opaco (il famoso Carbon di M.A.C., per intenderci), ma dopo un paio d’ore al massimo (a volte anche meno) me la ritrovo tutta accumulata all’angolo esterno e non è proprio un bel vedere.

Confezione
La matita è venduta nella classica confezione di carta di tutti i prodotti M.A.C. che non vi mostrerò perchè non più in mio possesso. Sulla confezione comunque è specificato il nome della matita, le caratteristiche, dove e chi l’ha prodotto, la quantità e altre specifiche che non ricordo. Non c’è scritto invece il periodo di validità del prodotto. La matita in sé è molto classica, senza fronzoli o eccessi. Molto comoda quindi da portare in giro.

Confronto Perversion VS Engraved
Le due matite hanno sicuramente molto in comune. Entrambe sono waterproof, sono molto morbide e sono entrambe nere. Il nero della Perversion però è più intenso già dalla prima passata, il che rende impossibile gestire l’intensità di colore desiderata, mentre l’Engraved è un nero più leggero, che spicca di meno e si fonde di più col contesto, e inoltre l’intensità desiderata si può gestire con più passate di prodotto. Entrambe le matite durano molto a lungo sulla palpebra, ma la Perversion conserva perfettamente il suo nero intenso, mentre l’Engraved può essere che perda un poco l’intensità col passare del tempo. Per quanto riguarda la resistenza nella rima interna, la Perversion resiste anche tutta una serata, evitando l’accumulo sull’angolo esterno, mentre l’Engraved non dura neppure un paio d’ore.
Entrambe le matite si sfumano facilmente e si fissano nel giro di qualche secondo. Una volta fissate, se provate a passare un applicatore di spugna su entrambe, noterete che la Perversion non si muoverà di un millimetro, al più perderà di intensità, ma non si sfumerà; mentre l’Engraved sarà possibile ancora sfumarla, ma avrete un risultato decisamente non omogeneo.
Infine, altra cosa che hanno in comune è il prezzo. Per 1,2g di prodotto, l’Engraved costa 17,00€, mentre la Perversion ne costa 16,50€, quindi la differenza è davvero minima. Sono entrambe ottime matite, ma se dovessi scegliere, comprerei la Perversion.

Prezzo: 17,00€
Dove comprarla: M.A.C. Store, maccosmetics.it
Quantità prodotto: 1,2g
Validità: /
Consigliato: Sì. Questa matita è sicuramente molto valida e fa quello che promette, con l’unica eccezione per la rima interna. Il suo enorme contro è il prezzo, ma si sa che i prodotti M.A.C. sono costosi, quindi non è una sorpresa. Mi sento di consigliarla per la facilità di applicazione e la capacità di gestire l’intensità del colore, inoltre la morbidezza della mina è anche importante perchè non irrita l’occhio. Anzi, è un piacere applicare questa matita.

E questo è tutto, fatemi sapere che ne pensate se l’avete provata e se avete avuto anche voi problemi con la rima interna. A presto!

Elena

Haul: Smoked by Urban Decay

23 Ott

Sììììì! È arrivataaaaa! Non sto più nella pelle, la sola idea di dover andare “Nude e minimal” tutta la settimana perchè devo andare in uni mi distrugge. Dovrò aspettare il weekend mi sa, se non voglio che la gente pensi male. Magari userò solo i colori più chiari. E magari anche il marrone. O magari tutti insieme, mwahahah! Tanto Halloween è alle porte!

Scherzi a parte, premetto che questa non è una review, ma solo una presentazione e un paio di pensieri scaturiti a prima vista della palette, quindi non parlerò della validità del prodotto, quanto più lo illustrerò in quello che sperò sarà un post corto e conciso.

Oggi mi è arrivata questa nuova palette della Urban Decay, una palette pensata appositamente per gli smokey eyes. La confezione che la racchiude è in carta, di un nero opaco, sul cui fronte è “intagliato” il nome della palette, il logo della UD, e una lista di cosa contiene nell’angolo in basso a sinistra. Sul retro potrete trovare una preview di tutti i colori all’interno della palette, l’immagine di un mini-size di UD Eyeshadow Primer Potion e la preview del tratto della Perversion, la matita nera della serie 24/7 Glide-On Eye Pencil (la cui review potete trovare qui). Sul lato inferiore della scatola potete trovare tutti gli ingredienti e i simboli “Cruelty free”.

La confezione è divisa in tre scomparti. Infatti, se la aprirete da sinistra, avrete accesso solo allo scompartimento dell’Eyeshadow Primer Potion, mentre se la aprirete da destra, potrete estrarre sia la palette vera e propria che il “Get the Look Book”.

Eyeshadow Primer Potion
Poche parole per descrivere questa famosissima base della UD che, sono sicura, non ha bisogno di essere presentato. La confezione è quella nuova, che permette di evitare gli sprechi e di utilizzare facilmente tutto il prodotto all’interno. Non l’ho mai provato in questa versione, ma sono sicura che sia molto più comodo del packaging precedente. Come ho già detto, viene fornita una mini-size da 3,7ml, per una durata di 6 mesi.

“Get the Look” Book
Con la palette, viene allegato un comodo libricino, in lingua inglese, che suggerisce dei look che è possibile creare coi colori disponibili. Nella prima pagina troviamo l’introduzione, che sembrerebbe scritta da Wende Zomnir (UD Founding Partner) che dà alcuni consigli di applicazione e presenta in poche parole lo scopo della palette.
Se giriamo pagina, troveremo il disegno di un viso femminile senza make up, sul quale ci vengono illustrate le parti in cui si suddivide l’occhio con un semplice schema. Nella pagina a fianco troverete dei suggerimenti per che colori o addirittura che prodotti (tutti UD, ovvio!) utilizzare per un total look smokey eyes (cosa mettere sulle labbra, sulle ciglia, sulle guance, etc…)
Lo stesso disegno, senza lo schema, ci verrà riproposto nelle pagine successive e potremo vedere come si presentano i vari look sullo stesso viso, il che renderà molto semplice il confronto.
I look proposti in totale sono tredici e nella pagina a fianco ci sarà una descrizione molto dettagliata, organizzata in step numerici, su come ottenerli. Credo proprio che inizierò a farne un paio e, luce permettendo, cercherò di postare le foto e farvi sapere se effettivamente è così semplice come sembra dalla descrizione. Ovviamente ogni step si basa sul come e dove applicare i prodotti della palette, quindi per quanto riguarda il resto (il mascara, per esempio) sarete libere di fare come vorrete.
Le ultime pagine del book sono destinate ad una migliore spiegazione della tecnica di applicazione e sfumatura delle varie aree dell’occhio, con un paio di immagini per mostrare la forma dei pennelli di cui si parla nei look.

Pagina 3

Pagina 2

 

Palette Smoked UD
Allora, la palette è rigida, con una chiusura a zip. È molto piacevole e morbida al tatto, ma qualcosa mi dice che questo materiale si sporcherà in un batter d’occhio. Staremo a vedere, non voglio avere pregiudizi.
All’interno troviamo dieci ombretti, sistemati in due file da cinque. Di questi, quattro sono mat (Kinky, Freestyle, Backdoor e Blackout), cinque hanno un finish metallico (Mushroom, Barlust, Rockstar, Evidence, Loaded) e uno contiene dei microglitter (Asphalt). Ogni ombretto è presente in 0,8g per una durata di 12 mesi.
Insieme a questi dieci ombretti troviamo una delle 24/7 Glide-On Eye Pencil full-size, Perversion, di cui ho già ampiamente parlato e più sopra vi ho pure linkato la review qui sul blog.
Questa palette non è molto grande, tutt’altro. È molto sottile e perfetta da portare in giro, vi ci potrebbe stare perfino in borsa!
Come vi ho già detto, non ho ancora avuto il piacere di poterla usare, ma ho notato che lo specchio è molto grande e ora come ora mi sembra molto comodo. Vi saprò dire più avanti.

Queste sono le mie prime considerazioni, quelle “a pelle”, diciamo, sulla palette in questione. Più avanti ci sentiremo per swatches e review. Devo comunque confidarvi che io sono una patita degli smokey eyes, li adoro, e quando l’ho vista è stato amore a prima vista. So che verso i primi di novembre Sephora metterà sullo store online anche la Vice Palette, anch’essa con degli splendidi colori, ma fra le due non c’era dubbio alcuno: la Smoked vince. Spero che questo post vi sia stato di aiuto, a presto!

Elena

Haul VICHY e BioNike

17 Ott

Dopo aver finito la mia adorata crema per il viso VICHY Aqualia Thermal, che ho amato alla follia, è venuto il momento di prendere un’altra crema. La mia pelle è mista, particolarmente grassa sulla zona T e sulle palpebre e secca sulle guance, quindi sono andata alla ricerca di un’altra crema per pelle mista e durante una spesa all’Auchan ho notato una nuova crema VICHY che mi ha attirato: VICHY Aqualia Antiox, fluido idratante 24h, antiossidante pro giovinezza.

Allora, avendo ventidue anni ringiovanire la mia pelle non è proprio il mio scopo, ma solo mantenerla così com’è. Inoltre questa crema promette un effetto pelle giovane e fresca. Qui di seguito vi copio la didascalia scritta di lato, per descrivere gli effetti del prodotto:

“A partire dai venticinque anni, la pelle si ossida e si segna in superficie: colorito spento, segni della stanchezza, piccole rughe, piccole macchie.
Esclusiva VICHY: formula con puro polifenolo di citrus, antiossidante pro-rigenerante. Protegge le cellule madri dagli attacchi ossidanti per favorire la rigenerazione delle nuove cellule.
Infinita fonte di pelle giovane e fresca, le cellule madri permettono alla pelle di rigenerarsi.”

I risultati che promette sono, in 15 giorni, un miglioramento della luminosità, del colorito e del rilievo cutaneo della pelle. Questo prodotto è stato testato sotto controllo dermatologico ed è adatto a tutti i tipi di pelle. Inoltre è ipoallergenico e senza parabeni.

(clicca per ingrandire)

La userò ogni giorno per quindici giorni e poi vi farò sapere se ho notato dei miglioramenti o dei cambiamenti nella mia pelle. Ah e, per la cronaca, mi è costata 21,90€ (invece di 25, perchè era in saldo), sono 40 ml di prodotto, per una durata di 12 mesi.

Ora, siccome io ho un problema serio con le occhiaie, avendo la pelle molto chiara ed essendo un soggetto allergico, cercavo già da un po’ un prodotto per ridurle. Non pretendo di non averle più, ma almeno ridurle. E sempre fra gli scaffali dell’Auchan ho adocchiato la crema della BioNike, brand del quale ho trovato un trattamento per cute seborroica che mi è piaciuto molto, detta defence eyes anti-borse e anti-occhiaie, per pelli sensibili e intolleranti.

Ho deciso di provarla per via della buona esperienza che ho avuto con il brand e perchè il prezzo era abbordabile (circa 20€, non mi ricordo il prezzo esatto). Anche qui vi cito cosa dice la confezione:

“Riduce le borse suboculari, attenua le occhiaie, protegge e rivitalizza grazie alla presenza di un complesso vegetale attivo a effetto drenante. Favorisce la riduzione dei ristagni di liquidi nei tessuti perioculari. Esercita anche un’azione anti-radicali liberi.”

Sono riportati i test clinici, microbiologici e in vitro effettuati e il fatto che il nickel è presente in tracce inferiore allo 0,00001% ed è formulato senza conservanti, profumo e glutine.

C’è scritto inoltre come usarla: “Applicare sulla zona perioculare (che sarebbe il contorno occhi).” Devo dire che oggi l’ho applicata per la prima volta e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Magari farò un post più avanti se noto miglioramenti. Per circa 20€ avrete 15ml di prodotto per una durata di 12 mesi.

Bene, questo è tutto per oggi, spero di rivedervi presto!
Elena